lunedì 9 agosto 2010

Ritrovarmi...a parlare di me con chiunque,
Questo ora voglio...questo adesso che tutto sembra sul finire, questo io voglio!
Lascerò la stanchezza dietro all'oblio in modo che i sensi non la percepiscano.
E andrò per la mia strada ancora.

Conversazione

Tu sei un bel cielo d'autunno, chiaro e rosa! Ma la tristezza
monta in me come il mare e lascia, rifluendo, sul mio
labbro corrucciato, il ricordo cocente del suo fango amaro.
La tua mano scivola invano sul mio petto che si strugge;
ciò che cerca, amica, è un luogo devastato dall'unghia
e dal dente feroce della donna. Non cercare più il mio cuore: le belve l'hanno divorato.
Il mio cuore è un palazzo lordato dalla folla: ci si ubriaca,
ci si ammazza, ci si tira per i capelli. Un profumo
ondeggia attorno al tuo seno nudo.
Beltà, dura frusta delle anime, tu lo vuoi! Con i tuoi
occhi di fuoco, splendenti come feste, tu bruci i brandelli
che le belve han risparmiato.

Charles Baudelaire

Nessun commento:

Posta un commento