giovedì 27 gennaio 2011

L'inganno

Primavera non è che s'avventuri
un'altra volta e cinga di tripudi
un'altra volta i rami seminudi,
tutti raggiando questi cieli puri?

Madre Terra, sei tu che trasfiguri
la vigilia dei giorni foschi e crudi?
O Madre Terra buona, tu che illudi
fino all'ultimo giorno i morituri!

Essi non piangono la sentenza amara.
Domani si morrà. Che importa? Oggi
sorride il colco tra le stoppie invalide...

Tutto muore con gioia (Impara! Impara!)
E forse ancora s'apre contro i poggi
l'ultimo fiore e l'ultima crisalide.

Guido Gozzano


l'inganno lo si vive nei pensieri,
nei sensi di quando uno crede
e poi non è così ma altro...
l'inganno è la fede tradita,
il singhiozzo e la rabbia interiore

Nessun commento:

Posta un commento