venerdì 17 settembre 2010


quanto ti ho amato, poeta
del viaggio e del sogno.
Così solo a rifulgere
nella luce del tiepido crepuscolo;
le tue frasi mi hanno salvato
da grettezze ed usuali
e sono quello che sono
anche grazie ai tuoi scritti.
Ti amo
come amo le buone cose
di pessimo gusto che amavi
di quell'amore che sai,
che entrambi sappiamo.

1 commento:

  1. mi piace molto questa foto.gli occhi della donna esprimono tutto l'amore e l'accoglienza di madre. quelli del bambin0 una curiosità un pò diffidente.Ma chi ritrae? sono sicura che quegli mi hanno già guardata da qualche parte.

    RispondiElimina