venerdì 21 dicembre 2012

Treni, di Antonia Pozzi

Treni

A notte
un lento giro d’ombre rosse
alle pareti avviava i treni: tonfi
cupi d’agganci
al sonno si frangevano.
E lavava
lieve la corsa della pioggia il fumo
denso ai cristalli: sogni
s’aprivano continui, balenanti
binari lungo un fiume.
Ora ritorna
a volte a mezzo il sonno quel tuonare
assurdo
e per le mute vie serali, ai lenti
legni dei carri e dentro il sangue
chiama
lunghi fragori – e quell’antico ardente
spavento e sogno
di convogli.

Antonia Pozzi
Torino, 1° maggio 1937


treni che passano
e non passano più,
visi che ritornano
alla mente, al cuore,
non sempre è solo dolore...

Nessun commento:

Posta un commento