giovedì 15 agosto 2013

E' tardi, di Attila Jozsef

E' tardi

Da otto giorni il pensiero di mia mamma
m'accompagna ogni istante. La rivedo:
la cesta del bucato pressata contro il seno,
salire ansante su nella soffitta.

Io, a quel tempo, ero ancora un essere
sincero: piangevo, mi stizzivo:
lasciasse stare quella cesta colma,
portasse invece me nella soffitta.

Ma lei, senza curarsi di quel pianto
nè dei gridi, saliva cheta a stendere:
e i panni, tutti brividi e riverberi,
frusciavano e danzavano nel vento.

Ora non piangerei: ma è tardi ormai
Ora, sì, vedo quanto lei sia alta
che coi grigi capelli tocca il cielo:
e scioglie il turchino nell'acqua del cielo

Attila Jozsef

come passa il tempo,
attimi, ore, giorni
le nuvole vanno,
torna il sereno di Agosto,
l'erba tagliata di fresco,
quella dell'ultimo fieno...

Nessun commento:

Posta un commento