domenica 25 agosto 2013

Soliloquio, di Anonimo


Soliloquio

Compresso nel sogno
disegno,
cose a me stupide e care,
la vaga presenza
essenza
di anime grandi e lontane.
Nel vago chiarore del lume
riprendo le solite frasi,
quelle che urlo di notte,
quelle che fermo sui fogli.

Anonimo
del XX° secolo,
poesie ritrovate

Nessun commento:

Posta un commento