lunedì 4 ottobre 2010

non lascerò scorrere il tempo,
io che lo rintocco ogni volta
come flebile giunco nel vento.
non credo alla noia
vestita di festa e di suono,
mi lascio nel dubbio
e qui penso


Sera di Ottobre

Lungo la strada vedi su la siepe
ridere a mazzi le vermiglie bacche:
nei campi arati tornano al presepe
tarde le vacche.
Vien per la strada un povero che il lento
passo tra le foglie stridule trascina:
nei campi intuona una fanciulla al vento:
Fiore di spina.

Giovanni Pascoli

Nessun commento:

Posta un commento