mercoledì 17 novembre 2010

copre gli spazi
un deluso contesto confuso
da veli sottili di nebbia
nei delusi anfratti dell'anima
soffro di acre dolore
e mi pesano gli occhi


Giorno di Novembre

Il freddo autunno ha imbavagliato il giorno.
Taccion le sue mille voci festanti;
giù dalla torre della cattedrale
campane a morto, nella nebbia, gemono
Sovra gli umidi tetti si distende
candido, in sonno, un fulgido vapore.
Con le gelide dita il vento batte
entro la gola del camino, a stormo,
gli ultimi accordi d'una marcia funebre.

Rainer Maria Rilke

Nessun commento:

Posta un commento