sabato 21 dicembre 2013

Io ti chiesi, di Hermann Hesse


Io ti chiesi

Io ti chiesi perché i tuoi occhi
si soffermano nei miei
come una casta stella del cielo
in un oscuro flutto.

Mi hai guardato a lungo
come si saggia un bimbo con lo sguardo,
mi hai detto poi, con gentilezza:
ti voglio bene, perché sei tanto triste

Hermann Hesse


non rispondesti
alla domanda degli occhi
ti vidi andare
scivolando leggera
nella notte romana...

Nessun commento:

Posta un commento