lunedì 9 luglio 2012


Grandinata

I

L’aria s’affredda, il sole si nasconde,
Radon la terra i passeri sgomenti,
Fuggon nel polverío, preda dei venti,
Le inaridite foglie vagabonde;

Fra le voci del ciel cupe e profonde
Sonano risa e passi di fuggenti,
E strilli acuti, e colpi vïolenti
D’imposte, e un lamentío lungo di fronde.

Poi tace la città trista e soletta
E dietro ogni finestra ansiosamente
S’affaccia un volto attonito che aspetta.

Casca e salta ad un tratto al piede mio
Un granellino bianco e rilucente....
Eccola, viene che la manda Iddio.

II

Strepitando vien giù candida e bella,
Batte il suol, tronca i rami, il cielo oscura,
E nelle grigie vie sonante e dura
Picchia, rimbalza, rotola, saltella;

Squassa le gronde, i tetti alti flagella,
Sbriciola sibilando la verzura,
Ricasca dai terrazzi e nelle mura
S’infrange, e vasi e vetri urta e sfracella;

E per tutto s’ammonta e tutto imbianca;
Ma lentamente l’ira sua declina
E solca l’aria diradata e stanca;

Poi di repente più maligna stride,
Poi tutto tace, e sulla gran ruina
Perfidamente il ciel limpido ride.

Edmondo De Amicis


dopo il silenzio,
quasi irreale e calmo
e odore di pioggia
mischiato a dolce frescura;
rimane nel solco
lasciato dal passo
qualche chicco isolato
che presto si scioglie...

3 commenti:

  1. Temporale estivo? Fragorosa risata del cielo...che offre le cose in un rinnovato nitore...Io lo vedo così...e lo adoro!

    RispondiElimina
  2. p.s. guardato...? Io lo trovo davvero carino, il sorriso tra gli uomini è la massima espressione di fratellanza...
    buona giornata

    RispondiElimina
  3. Veronica,

    proprio bello, colonna sonora azzeccata e sole, sole sole sole...mare!
    Cosa volere di più.
    Bello!

    Gujil

    RispondiElimina