martedì 24 giugno 2014

L'ultima estate, di Ghiannis Ritsos

L'ultima estate

Dicono addio i colori dei tramonti. È tempo di preparare
le tre valigie – i libri, le carte, le camicie –
e non scordare quella veste rosa che ti stava così bene
anche se d'inverno non la indosserai. Io,
nei pochi giorni che ancora ci restano, riguarderò
i versi scritti in luglio e agosto,
anche se temo di non aver aggiunto niente, semmai
di avere sottratto molto, poiché da essi traspare
l'oscuro sospetto che questa estate
con le sue cicale, i suoi alberi, il mare,
coi fischi delle navi nei tramonti gloriosi,
coi barcaioli sotto i balconi al chiar di luna
e con la sua misericordia ipocrita, sarà l'ultima
.

Karlòvasi, 3.IX.89
Traduzione di Nicola Crocetti
Ghiannis Ritsos


si perpetua il rito;
le partenze, i viaggi.
Io, per me
non ho che ricordi...

Nessun commento:

Posta un commento