venerdì 28 agosto 2015

Conchiglie, di Margherita Guidacci

Conchiglie

Non a te appartengo sebbene nel cavo
della tua mano ora riposi, viandante;
né alla sabbia da cui mi raccogliesti
e dove giacqui lungamente, prima
che al tuo sguardo si offrisse la mia forma mirabile.
Io compagna d'agili pesci e d'alghe
ebbi la vita dal grembo delle libere onde.
E non odio né oblio ma l'amara tempesta me ne divise.
Perciò si duole in me l'antica patria e rimormora
assiduamente e ne sospira la mia anima marina,
mentre tu reggi il mio segreto sulla tua palma
e stupito vi pieghi il tuo orecchio straniero.
 
Margherita Guidacci
 
 
il fasullo suono del mare,
orecchio incollato,
sguardo lontano;
orizzonte marino,
sciacquio quieto
di debole risacca...

Nessun commento:

Posta un commento