lunedì 17 agosto 2015

La notte, di Alejandra Pizarnik

La notte
 
Della notte so poco
ma di me la notte sembra sapere,
e piú ancora, mi assiste come se mi amasse,
mi ammanta di stelle la coscienza.
Forse la notte è la vita e il sole la morte.
Forse la notte è nulla
e nulla le nostre congetture
e nulla gli esseri che la vivono.
Forse le parole sono l'unica cosa che esiste
nel vuoto enorme dei secoli
che ci graffiano l'anima coi ricordi.
Ma la notte conosce la miseria
che succhia il sangue e le idee.
Scaglia l'odio, la notte, sui nostri sguardi
che sa pieni di interessi, di incontri mancati.
Ma accade che la notte ne senta il pianto nelle ossa.
Delira la sua lacrima immensa
e grida che qualcosa è partito per sempre.
Un giorno torneremo a essere.

Alejandra Pizarnik
Traduzione di Claudio Cinti
La figlia dell'insonnia
 
 
dormire poco,
sognare strano;
la mia notte di solito,
la notte che non passa,
quella che segue... 

Nessun commento:

Posta un commento