mercoledì 6 marzo 2013

Mattinale, di Anonimo


Mattinale

Un refolo d'aria, minimo,
preannuncia la pioggia,
fuori tarda il mattino;
uccelli notturni lasciano
posto a merli e piccioni;
il noce attende il destino
il nespolo riluce rugiada;
io, dalla finestra vedo,
eppure ho la testa lontana
in un altro diverso contesto
riprovo, ogni volta riprovo.

Anonimo del XX° secolo
poesie ritrovate

Nessun commento:

Posta un commento