giovedì 17 dicembre 2015

Vecchiaia, di Ghiannis Ritsos

 
Vecchiaia
 
Ah, sì, invecchiano anche le statue e le poesie.
Molti avevano preso parte a quella storia –
uomini, animali, bambini, fiumi, alberi,
ragazzi e ragazze con motociclette, due papere
bianche,
il matto silenzioso con una cicca e una galletta;
ed era un mezzogiorno estivo d'oro e sventolavano
le piume della gallina sgozzata luccicando in aria,
e la zia Evanghelìa in cucina puliva le bamie,
e una grossa farfalla si posò sulla saliera.
Nessuno, proprio nessuno allora sapeva
che il transitorio passa nel mito. Alla stazione del treno
venne a sedersi su una panchina una vecchia vestita
di nero
che teneva sul grembiule un cesto d'uova come se fosse
l'unica cosa che aveva al mondo. Si addormentò lì.
Qualcuno di passaggio le rubò il cesto. E cadde la notte.
Ah, sì, invecchiano anche le statue e le poesie e i ricordi
degli eroi.
 
Karlòvasi, 23.VII.87
 
Ghiannis Ritsos
Traduzione di Nicola Crocetti
 
 
arriva, lo sento,
capisco che viene, mi avvolge;
a volte le sfuggo,
ma solo a volte...

1 commento:

  1. Ottimo post, grazie! Starà mica tornando Masterchef, per caso? https://twitter.com/SkyUno/status/675989726655025152

    RispondiElimina