venerdì 8 gennaio 2016

La forza del ricordo, di Henrik Ibsen

La forza del ricordo
 
 
Sapete come un domatore d'orsi
dia a queste bestie un'indimenticabile lezione?

Mette il suo orso sopra una caldaia
sotto la quale ha prima acceso il fuoco.

E intanto con un organetto
suona all'animale la canzone: Godi l'esistenza!

La bestia alle prese col dolore
non può star ferma ed è costretta a danzare.

Più tardi quando essa sente questa melodia,
si direbbe che il demonio della danza l'afferri all'improvviso!

Io pure fui messo sopra una caldaia.
L'organo suonava! E il calore era intenso.

La mia stessa carne s'infiammava,
e questo ricordo non ha mai lasciato l'anima mia.

Ogni volta che tornano i ricordi di quel tempo,
Mi sembra di trovarmi ancora sopra la caldaia.

Sento delle punture acute sotto le unghie
e sono costretto a danzare sui piedi dei miei versi.
 
Henrik Ibsen
 
Georges Pierre Seraut
"Falciatore"
 
 
ricordare, rammentare, rivivere,
verbi che guardano indietro,
espressioni celate in noi da sguardi;
vorremmo, potremmo,
se solo...

Nessun commento:

Posta un commento