sabato 2 gennaio 2016

Roma, di Giusué Carducci

Roma
 
Roma, ne l'aer tuo lancio l'anima altera volante:
accogli, o Roma, e avvolgi l'anima mia di luce.

Non curïoso a te de le cose piccole io vengo:
chi le farfalle cerca sotto l'arco di Tito?

Che importa a me se l'irto spettral vinattier di Stradella
mesce in Montecitorio celie allobroghe e ambagi?

 
e se il lungi operoso tessitor di Biella s'impiglia,
ragno attirante in vano, dentro le reti sue?

 
Cingimi, o Roma, d'azzurro, di sole m'illumina, o Roma:
raggia divino il sole pe' larghi azzurri tuoi.

 
Ei benedice al fosco Vaticano, al bel Quirinale,
al vecchio Capitolio santo fra le ruine;

 
e tu da i sette colli protendi, o Roma, le braccia
a l'amor che diffuso splende per l'aure chete.

 
Oh talamo grande, solitudini de la Campagna!
e tu Soratte grigio, testimone in eterno!

 
Monti d'Alba, cantate sorridenti l'epitalamio;
Tuscolo verde, canta; canta, irrigua Tivoli;

 
mentr'io da 'l Gianicolo ammiro l'imagin de l'urbe,
nave immensa lanciata vèr' l'impero del mondo.

 
O nave che attingi con la poppa l'alto infinito,
varca a' misterïosi liti l'anima mia.

 
Ne' crepuscoli a sera di gemmeo candore fulgenti
tranquillamente lunghi su la Flaminia via,

 
l'ora suprema calando con tacita ala mi sfiori
la fronte, e ignoto io passi ne la serena pace;

 
passi a i concilii de l'ombre, rivegga li spiriti magni
de i padri conversanti lungh'esso il fiume sacro.

 
Giosué Carducci
da "Odi barbare"
 
 
Caput mundi!
ci vive Lei, che scivolò leggera
e passò la vita mia di un attimo,
sole e passione
ed un triste sorriso balinese...

Nessun commento:

Posta un commento