martedì 29 giugno 2010

O GIOVINEZZA

O Giovinezza, ahi me, la tua corona
su la mia fronte già quasi è sfiorita.
Premere sento il peso della vita,
che fu si lieve, su la fronte prona.
Ma l'anima nel cor si fa più buona,
come il frutto maturo. Umile e ardita,
sa piegarsi e resistere; ferita,
non geme; assai comprende, assai perdona.
Dileguan le tue ultime aurore,
O Giovinezza; tacciono le rive
poi che il torrente vortice dispare.
Odo altro suono, vedo altro bagliore.
Vedo in occhi fraterni ardere vive
lacrime, odo fraterni petti ansare
.

Gabriele D'Annunzio
---

La fuga dalla realtà è sempre più dura e mi ricollego al presente con un forte rumore di fondo che disturba la mia anima e la pone in perenne agitazione emotiva.
Boh!
Non mi è chiaro il disegno e mi consumo nell'attesa dell'evento...quasi fosse un tragico "rendez-vous" del quale non è possibile fare a meno e nel quale si è costretti come burattini senza più volontà.

Nessun commento:

Posta un commento