martedì 19 giugno 2012


assai flebili e lenti
come scie ormai disciolte
si striano mari perduti, lontani;
risacche in cui giacqui ricordano
il male di sempre, lo spleen
che vive con questo mio stare...

anonimo del XX° secolo
frammenti ritrovati

Nessun commento:

Posta un commento