lunedì 11 giugno 2012

Lamento delle 0,20
 
Signore, tu mi lavori senza tregua.
Nell'inverno mi lavori e nell'estate,
nei giorni delle feste consacrate.
Nei mesi pari e in quelli di trentuno
Col sole con la pioggia con la luna.
a ore, a settimana, a cottimo, a giornata.
Come il canuto operaio della ferriera
tu mi cuoci mi sciogli e non ti bruci.
 
Raffaele Carrieri


come posso uscire
nel folto del grigio
e mietere messi
mature e solari?
le acque agitate
si placano e sogno...

Nessun commento:

Posta un commento