sabato 5 gennaio 2013

L'immensità dell'attimo, di Mario Luzi

L'immensità dell'attimo

Quando tra estreme ombre profonda
in aperti paesi l'estate
rapisce il canto agli armenti
e la memoria dei pastori e ovunque tace
la segreta alacrità delle specie,
i nascituri avallano
nella dolce volontà delle madri
e preme i rami dei colli e le pianure
aride il progressivo esser dei frutti.
Sulla terra accadono senza luogo
senza perché le indelebili
verità, in quel soffio ove affondan
leggere il peso le fronde
le navi inclinano il fianco
e l'ansia de' naviganti a strane coste,
il suono d'ogni voce
perde sé nel suo grembo, al mare al vento.

Mario Luzi
poesie sparse 


attimo solitario rivivo
rinnovo la veste che porto
o veggo di nuovo da sempre
in colorite distinte distanze...

Nessun commento:

Posta un commento