venerdì 25 gennaio 2013

Notte, di Amalia Guglielminetti

Notte


Io vado nella notte alta al tuo fianco.
Non so da chi, non so da che atterrita,
spesso trasalgo e al tuo braccio m'abbranco.
Ascendiamo io non so quale salita
passo passo, e la notte è come un mare,
come un'onda nel mar la nostra vita.
Più non vedo il tuo sguardo tutelare
vigilarmi nell'ombra. Su qual traccia,
dove come perchè dobbiamo andare ?
Verso qual meta ? La paura diaccia
quasi nel seno il battito m'arresta...
Ma tu mi levi fra sicure braccia,
mi baci lento, mi susurri:- A questa.

Amalia Guglielminetti


così portavo il sonno
fuori, oltre le dune,
il buio era un canto,
dolce, quasi d'amore...

Nessun commento:

Posta un commento