sabato 25 ottobre 2014

Per balbettare così..., di Viron Leondaris

Per balbettare così...

                  Per balbettare così il mio destino
con parole sconnesse
e con la foglia amara d'alloro tra le labbra...

Il destino è un oracolo
che chiedi e che ricevi da te stesso
per sfuggire a ciò a cui non sfuggirai
per comprendere ciò che non comprenderai
ovvero un discorso inopportuno e infausto
che ti dissuade da quello a cui ti stimola
ti spinge in senso opposto a quello in cui ti tira
e il solo modo per compierlo è violarlo

Per questo sei esiliato da te stesso
e cadi nel banale
in miserande lotte per l'esistenza
in sedicenti avventure e agoni
risolvendo magari indovinelli e uccidendo i mostri della quotidianità
facendo il giusto e dicendo l'insignificante
in espiazioni inutili e intollerabili
inginocchiandoti per vivere

Così anch'io che ho avuto la sorte più pesante e nera
mi sono trovato a sopportare
una vita così incredibilmente banale.


Traduzione di Filippomaria Pontani
Viron Leondaris
 
 
quotidiano,
come lo stillicidio dei giorni,
uno in più alla vita,
uno in meno al futuro;
focalizzati alla meta...

Nessun commento:

Posta un commento