martedì 5 agosto 2014

Come il salmone, di Enrico Bonini

Come il salmone
 
Anelante salmone
- lasciate pigre stagioni e angusti spazi (o limitate contrade)
a ritroso volgo ansie* tensioni
per deporre i miei versi
dove non areni il veleno dell'esistere.
Me ne sto in solitudine
a rischiare del mio
- folgori convulse mi offendono
nevrosi mi fulminano il cuore
bruciano resistenze inquiete.
 
Vado incontro al buio
con le mie parole:
bandiere di carta
colorata,
solchi effimeri
dove il sogno (e il segno)
inventano la realtà
dell'inesistenza.
 
Seppellirci.
La nostra sola verità
Presunta!
 
Enrico Bonini


avanti e indietro,
eterna danza della vita,
si avvicina il declivio
poi si scenderà...

Nessun commento:

Posta un commento