venerdì 20 febbraio 2015

Cere, di Anonimo

 
Cere
 
Cere opache nel buio flebili
stille di luce, brusio nel silenzio perpetra
infiniti, stanchi ritorni;
la pietas raccoglie vivide
immagini e note
si arrocca nel cuore la vita.
Cogli il bisogno, la noia, di fremere
oltre ogni limite; cosparso un breve di nulla
ristoro le immagini grigie.
 
Anonimo
del XX° Secolo
poesie ritrovate
 

Nessun commento:

Posta un commento