sabato 28 febbraio 2015

Memorie d'adolescenza, di Riccardo Bacchelli

Memorie d'adolescenza

Un'estate, che d'estate son i tramonti lenti,
pesante quant'il sonno e la stanchezza medesima,
non avrei voluto altro che riposare, se fosse stato
possibile. Non reggeva più neppure la voglia
amara d'inasprire in me stesso il mio male.
Non avrei voluto cedere in nulla, ma invece
mi toccava assopirmi al sole in materia
stanca. E dalla stanchezza un filo di melodia.
Supino, ombre e sole, foglie
e cielo, silenzio e cicale. Le mani
le abbandonavo sull'erba riarsa, si tuffava
nell'estate l'anima e tornava d'ogni parte
carica d'ogni cosa, non articolava, non distingueva,
tornava stanca. E non poté credere a sé stessa
la mattina che le filtrò un'estatica canzoncina.

Riccardo Bacchelli
 
Irma Bernasconi Pannes, Prato estivo
 
e prati infiniti, profumo di fieno,
api, vespe e frinire di grilli e cicale;
e il caldo, possente, unico,
il sonno sul ciglio del prato da sfalcio...

3 commenti:

  1. Bella poesia,complimenti per la scelta!

    RispondiElimina
  2. Olgica
    grazie, Bacchelli ha saputo parlare del suo mondo con parole comprensibili e condivisibili.

    Gujil

    RispondiElimina
  3. I am extremely impressed along with your writing abilities, Thanks for this great share.

    RispondiElimina