mercoledì 18 febbraio 2015

Chissà se un giorno butteremo le maschere..., di Eugenio Montale

Chissà se un giorno butteremo le maschere
che portiamo sul volto senza saperlo.
Per questo è tanto difficile identificare

gli uomini che incontriamo.
Forse fra i tanti, fra i milioni c'è
quello in cui viso e maschera coincidono
e lui solo potrebbe dirci la parola
che attendiamo da sempre. Ma è probabile
che egli stesso non sappia il suo privilegio.
Chi l'ha saputo, se uno ne fu mai,
pagò il suo dono con balbuzie o peggio.
Non valeva la pena di trovarlo. Il suo nome
fu sempre impronunciabile per cause
non solo di fonetica. La scienza
ha ben altro da fare o da non fare.
 
Eugenio Montale
("Quaderno di quattro anni")
 
 
il volto coperto da pensieri
è solo, solitario e buio;
poi qualche stella filante
ricorda piacevoli cose;
vorrei, a volte, sospirare sereno,
a volte, vorrei, respirare libero... 

Nessun commento:

Posta un commento