giovedì 12 febbraio 2015

Ritorno, di Anonimo

Ritorno
 
Coreografiche vicende arroccano
contiguità discutibili,
tra noi parole vaghe e dissonanti
come campane rotte, stonate.
 
In un gettito d'impeto
rischiaro il buio di ieri,
mi rimetto a clemenze discutibili;
ritorno, come sempre, come ora...
 
Anonimo
del XX° secolo
poesie ritrovate 

 
 

Nessun commento:

Posta un commento