sabato 28 gennaio 2017

Il capriccio, di Amalia Guglielminetti

Il capriccio
 
E tu, Capriccio, genïetto rosa
che svolazzi con ali di farfalla
e un riso su la bocca desiosa,
 
talvolta io ti sentii su la mia spalla
lieve posare e un'avida parola
colsi, al riparo dell'aluccia gialla.
 
Fu qualche sera, quando d'una sola
fiamma bruciano i nostri occhi e le stelle,
e ci trema la voce, arida, in gola.
 
Qualche sera in cui sembran così belle
le labbra che si porgono e così
molle l'odor delle rose novelle,
 
ch'è duopo susurrare un dolce: – sì!
 
Amalia Guglielminetti
 
 
voglie, capricci, uzzoli,
tutte cose che la vita ci ha chiesto,
qualcosa di superficiale ed inutile
si chiude in noi il desiderio quando vogliamo...

Nessun commento:

Posta un commento