martedì 10 gennaio 2017

L'orologio da rote
 
Mobile ordigno di dentate rote
lacera il giorno e lo divide in ore,
ed ha scritto di fuor con fosche note
a chi legger le sa: Sempre si more.
Mentre il metallo concavo percuote,
voce funesta mi risuona al core;
né del fato spiegar meglio si puote
che con voce di bronzo il rio tenore.
Perch’io non speri mai riposo o pace,
questo, che sembra in un timpano e tromba,
mi sfida ognor contro all’età vorace.
E con que’ colpi onde ’l metal rimbomba,
affretta il corso al secolo fugace,
e perché s’apra, ognor picchia alla tomba.
 
Ciro Di Pers
 
 
il tempo che passa non ha corpo,
le dimensioni sono varie e informi,
a volte opprime, attanaglia, schiaccia,
spesso è così lento da non vedere l'ora...

Nessun commento:

Posta un commento