giovedì 27 settembre 2012

Angustia

Nelle pieghe dei sempre
riposano risapute angosce
nascoste dall'io dormono
ma ogni tanto riaffiorano
e stringono forte la gola
di quel nodo che so
e fatica il respiro.
Nel mentre di un nulla
rivedo un monotono scorrere
di cose passate, di vento
che spazza la mente
in un brivido gelido.

Anonimo del XX°secolo
poesie ritrovate

Fausto Colaiuda, Angoscia
, 1993, pietra

Nessun commento:

Posta un commento