giovedì 6 marzo 2014

Preghiera politica, di Alceo

Preghiera politica

qui, a me, staccandovi da isola di Pèlope
figli vigorosi di Zeus e di Leda
... intimo calore, qui apparite, Càstore
e Polluce!
Voi che spazi di pianeta, oceani
totali percorrete su scatto di cavalli,
lievi custodite noi viventi da glaciale
morte
scalate picchi in scafi, meraviglia d’assi,
e da lontano siete lumi corridori sulle sartie
carichi di chiaro in notte amara
a scafo buio.

Alceo
Traduzione di Ezio Savino


guidati dal bisogno
arranchiamo ardue erte,
il sole, la pioggia
sferzano l'anima...

Nessun commento:

Posta un commento