giovedì 20 marzo 2014

Suoni, di Anonimo


Suoni

Gioie senza limiti accalcano
le lente stazioni dl tempo,
un povero sogno si infrange,
un altro si staglia nel cielo.
Uno spicchio di blu comporta
pensieri di sole e calore,
quando l'alba confonde
si cerca un motivo per gli occhi.
Colori diffusi, sventagli,
di lunghi sospirati doveri;
in un angolo angusto ripone
il cuore, l'affetto, le croci.
Dove vanno gli assoli
si scompongono i suoni;
rimane e perdura
un'eco soltanto.

Anonimo
del XX° secolo
poesie ritrovate

Nessun commento:

Posta un commento