mercoledì 10 dicembre 2014

Una fatica, credimi di Virgilio Lilli

Una fatica, credimi
Mi sveglio, la mattina,
pieno di sonno.
Vado a letto,
la sera,
pieno di veglia.
Il sole mi trova morto,
al mattino,
e faccio il lavoro di Lazzaro
per aprire gli occhi
e guardare il mondo.
Il buio mi trova così vivo,
la sera,
che chiudere gli occhi
è come un suicidio.
Così va la mia vita,
da mezzo secolo più dieci anni:
una fatica, credimi,
una fatica d'Ercole,
un'altalena
di resurrezioni e suicidi.
 
Virgilio Lilli
La ballata di un inviato speciale
 
 
queste angosce, queste,
dirimpetto allo specchio
c'è un vecchio che aspetta
e un altro smarrito...

Nessun commento:

Posta un commento