sabato 27 giugno 2015

Canto ed elegia delle strade, di Costantino Kavafis

Canto ed elegia delle strade
 
Il primo passante che cammina;
il grido gaio del primo venditore;
lo spalancarsi della prima porta,
delle prime finestre - sono il canto
delle strade al mattino.
I passi dell'ultimo viandante;
il grido dell'ultimo venditore;
porte e finestre che si chiudono -
sono il canto elegiaco che si ode
quando fa sera per le strade.
 
Costantino Kavafis
Traduzione di Nicola Crocetti
 
 
percorsi nel tempo,
ecco le mie di strade,
sassi sconnessi,
buche profonde;
sentieri ristretti che sfociano,
a volte come elegie,
in deliziose radure...

Nessun commento:

Posta un commento