domenica 7 giugno 2015

L'angelo, di Alexander Puškin

L'angelo
 
Alle porte dell'eden un tenero angelo
Con la testa china risplendeva,
E un demone tenebroso e ribelle
Volava sull'abisso dell'inferno.

Lo spirito della negazione, lo spirito del dubbio
Mirava quel puro angelo
E un involontario calore di tenerezza
Per la prima volta cnfusamente provò.

" Perdonami, disse, io ti ho veduto
E tu non invano me splendevi:
Non tutto io nel cielo ho odiato,
Non tutto nel mondo ho disprezzato".
 
Alexander Puskin
 
Melozzo da Forlì - Angelo con liuto
 
dove sarà quell'angelo
che la mia vita prese?
Chi ora sentirà il suo fiato,
che gli liscerà le ali?...

Nessun commento:

Posta un commento