giovedì 18 giugno 2015

Figlia, di Fernanda Romagnoli

Figlia
 
La mia giovane figlia, se la vita
la spaura nell'anima - che un posto
cercandosi, in nessuno si fa quieta -,
si stringe chiusa, dura,
come nelle sue ciglia
la margherita sotto il temporale.
Ieri sera era triste: e col suo male
s'aggruppava nel sonno. Ma il mattino,
dritta come una pianta,
pensierata, m'è presso il capezzale,
che con l'aroma del caffè mi canta
"sveglia", col carillon del cucchiaino.

Fernanda Romagnoli
L'anima in disparte
 

parole vere, reali,
adolescenti in rivoluzione,
in subbuglio
in ansia...

Nessun commento:

Posta un commento