domenica 25 settembre 2016

Giorni di minime#17

 
 
solitario amore il nostro,
circondati da mani, volti;
le care cose risapute ondeggiano
come ricordi sbiaditi, come farfalle...
le cose del cuore vacillano,
l'anima imperitura si erge
a diga, come contrasto...
 
Gujil

Nessun commento:

Posta un commento