venerdì 20 gennaio 2012

SOGNO E REALTA'

Com'è cieco colui che immagina
e progetta qualcosa
fino ai più realistici dettagli.
e quando non riesce a darne conto interamente
con misure superficiali e prove verbali,
crede che la sua idea
e la sua fantasia siano vanità!
Se invece riflettesse con sincerità,
si convincerebbe che la sua idea è reale
tanto quanto l'uccello in volo,
solo che non è ancora cristallizzata;
e capirà che l'idea è un segmento di conoscenza
ancora inesplicabile in cifre e parole,
poichè troppo alta e troppo vasta
per essere imprigionata
nel momento presente;
ancora troppo profondamente immersa
nello spirituale
per piegarsi al reale.

Kahlil Gibran


le cose cambiano
spesso non lo osserviamo
dopo è tardi;
i concreti afinalismi si fondono
nel percorso stridente del nulla
di quando siamo sperduti,
isolati nel nostro sentire,
poi viene il sereno,
lo si intravede lontano;
intorno tuoni e saette...

Nessun commento:

Posta un commento