lunedì 27 agosto 2012

Il celeste non si misura con la mente
Il celeste non si misura con la mente,
l’azzurro è occulto agli intelletti.
Solo di rado i serafini portano
un sacro sogno agli eletti dei mondi.
E la Venere russa mi è apparsa,
avvolta in una tunica pesante,
insensibile e pura, immensamente non lieta,
con nei tratti un placido sogno.
Non per la prima volta è scesa sulla terra,
ma per la prima volta le si stringono intorno,
non gli eroi del mito, ma altri paladini…
E strano è il lampo dei suoi occhi profondi.

Aleksandr Aleksandrovic Blok



la mente dissolve
le paure vicine e contigue
io vago e torno e riparto
come stanca farfalla sbiadisco
i colori di fragili ali...

Nessun commento:

Posta un commento