sabato 9 febbraio 2013

Nevai, di Antonia Pozzi

Nevai

Io fui nel giorno alto che vive
oltre gli abeti,
io camminai su campi e monti
di luce –
Traversai laghi morti – ed un segreto
canto mi sussurravano le onde
prigioniere –
passai su bianche rive, chiamando
a nome le genziane
sopite –
Io sognai nella neve di un’immensa
città di fiori
sepolta –
io fui sui monti
come un irto fiore –
e guardavo le rocce,
gli alti scogli
per i mari del vento –
e cantavo fra me di una remota
estate, che coi suoi amari
rododendri
m’avvampava nel sangue –

Antonia Pozzi
1° febbraio 1934


candidi manti
in attesa di passi
ed io sono qui, da sempre
ad attendere il suono
delle campane d'Inverno...

Nessun commento:

Posta un commento