mercoledì 3 ottobre 2012


Alessandro Salvati, Il sonno di San Francesco, 2004

infiniti stesi nel prato
come linee interrote
come quadri astratti;
guaine di sonno assumono
parvenze di lontani ardori,
ricopro col velo del poi
un angolo ancora scoperto...

anonimo del XX° secolo
frammenti ritrovati

Nessun commento:

Posta un commento