giovedì 19 marzo 2015

Come il silenzio trapassa..., di Michail Ajzenberg


Come il silenzio trapassa
in un ronzio sotto la fronte,
così l'appartamento alla chetichella
è diventato proprietà
di mediocri oggetti da regalo.
Nel loro museo immaginario
nessuno gli ha assegnato un posto:
ci sono sempre stati;
qui si ergevano, foderati
di una paziente asfissia,
lasciati dal riflusso
di una festosa onda svanita.
E alla parete una foglia autunnale
turbina sul normografo.
L'aria pesante è zuccherina,
ma in essa non c'è delizia.

Michail Ajzenberg
traduzione di
Paolo Galvagni
 
  
già, il silenzio, molte volte,
troppo a volte;
attimi insensati e vuoti,
fatti di gelo e amarezza,
sempre nel silenzio...

Nessun commento:

Posta un commento