domenica 30 luglio 2017

Il ciliegio e Thomas Mann, di Elena Scwartz


Il ciliegio e Thomas Mann

Le piogge hanno assalito la primavera. Hanno scosso
Gli alberi gettando i petali in una pozzanghera,
Essi giacciono, luccicando, il loro sonno è esile,
Il ciliegio si agita nel vento
Come una legione di cagnolini adirati.
La primavera tosata,
La primavera offesa,
E la gola è assediata da nubi
Così azzurre.
Il ciliegio è una Montagna Magica –
Con dentro un tedesco tisico
Il cui allegro rossore fatale
È come i fiori tremanti del ciliegio
.
 
Elena Schwartz
"Tu mi hai creato poeta"
traduzione di Paolo Galvagni
 
 
il sapore buono, appena raccolto,
il rosso dipingeva le labbra;
ora un colore sbiadito, vago,
come il sapore che ancora ricordo...

Nessun commento:

Posta un commento