venerdì 14 novembre 2014

Crescendo, di Anonimo

Crescendo
 
La fine del parco sfuma
mescolando immagini e bruma,
la nebbia nell'aria insiste
un dolore profondo persiste.
Così camminando nel prato
rileggo un recente passato
poi torno a pensare nel grigiore
di quest'autunno in cui conto le ore.
Volessi rimuovere il senso
di quello che sono, che penso!
 
Anonimo
del XX° secolo
poesie ritrovate
 
 

Nessun commento:

Posta un commento