mercoledì 5 novembre 2014

Potatura, di Jean Hollander


Potatura
 
Gli alberi potano se stessi al vento
i rami morti si rompono
con una raffica improvvisa
dopo anni di gemiti a strofinarsi
contro i gemiti degli altri
si spezzano di netto
o si frantumano in resti aggrovigliati
legno scrostato che brama di riunirsi
al tronco vivo
nei freddi sogni dei morti
ridiventare polpa
l'albero della vita si apre ancora
si pavoneggia al sole neonato,
il ramo, all'ombra di se stesso, intatto -
innocente rametto che protende
il suo frutto verso il fantoccio Eva
e Adamo appisolato nella stalla
del suo signore ignoto
 
Traduzione di Silvia Bre
Jean Hollander
 
Potare
 
foglie secche cadono,
rami sparuti al cielo,
secchi, da potare,
la pioggia li bagna...

Nessun commento:

Posta un commento