martedì 25 novembre 2014

Rimembranza, di Arturo Graf

Rimembranza
 
Cheta e la notte, vaporosa e grande
Dal mar la luna emerge;
Dal ciel stellato la rugiada lacrima,
E il volto mio di freddo pianto asperge.
Per la schiena del monte in giu si spande,
Silenziosa e cupa,
La selva dei castagni: orrido, livido,
Quinci uno scoglio in acqua si dirupa.
Una soave rimembranza amara
Dentro dal cor mi preme;
Su questa pietra or son dieci anni, un secolo,
Su questa pietra sedevamo insieme.
Ahime, compagna mia, gentile e cara
Compagna, ove se’ ita?
Vedi come d’angoscia ho piena l’anima,
Vedi la vita mia com’e smarrita.
L’ingrato mondo conoscesti appena,
E molti a te gli acerbi
Anni sembrar; volasti a miglior patria
Ove di me nulla memoria serbi
Cheta e la notte, vaporosa e piena
La luna in mar s’immerge;
Piove per l’aria la rugiada in lacrime
E il volto mio di freddo pianto asperge. 
 
Arturo Graf

Marina Musset, "Rimembranza felice"
 
ricordi...ricordo...
il tempo sbiadisce
ma il cuore conserva
la testa rinnova... 

Nessun commento:

Posta un commento