martedì 11 novembre 2014

Il volto nuovo, di Antonia Pozzi

Il volto nuovo
 
Che un giorno io avessi
un riso
di primavera – è certo;
e non soltanto lo vedevi tu, lo specchiavi
nella tua gioia:
anch’io, senza vederlo, sentivo
quel riso mio
come un lume caldo
sul volto.
Poi fu la notte
e mi toccò esser fuori
nella bufera:
il lume del mio riso
morì.
Mi trovò l’alba
come una lampada spenta:
stupirono le cose
scoprendo
in mezzo a loro
il mio volto freddato.
Mi vollero donare
un volto nuovo.
Come davanti a un quadro di chiesa
che è stato mutato
nessuna vecchia più vuole
inginocchiarsi a pregare
perché non ravvisa le care
sembianze della Madonna
e questa le pare
quasi una donna
perduta –
così oggi il mio cuore
davanti alla mia maschera
sconosciuta.
 
20 agosto 1933
Antonia Pozzi
 
Nani Tedeschi, "Pinocchio"
 
 
già...illuminato da un fascio di vita,
un nuovo volto, dopo le tempeste;
sarebbe bello vagare senza meta,
raggiungere i lidi riposti
dove le anime sole si uniscono...

Nessun commento:

Posta un commento