sabato 1 novembre 2014

Levante, di Anonimo

 
Levante
 
Roseo bagliore invernale,
ad est, oltre l'amato colle;
nel freddo crepuscolo boreale
calpesto nel gelo le zolle.
 
Il fiato condensa respiri,
la mani sui fianchi a cercare
inutili parole, penosi raggiri
di chi ancora non vuole tornare.
 
La luce si alza  ora è potente
un raggio di sole, dal nulla,
trafigge quest'anima assente,
trova il cuore, lo bacia, lo culla.
 
Anonimo
del XX° secolo
poesie ritrovate 

Nessun commento:

Posta un commento