martedì 7 aprile 2015

Raccomandazione a un figlio, di Ernest Hemingway


Raccomandazione a un figlio

Non fidarti d'un bianco,
Un ebreo non ammazzare,
Non firmare mai un contratto,
Un banco in chiesa non affittare.
Non arruolarti nell'esercito;
Pigliare troppe mogli non bisogna;
Non scrivere mai per le riviste;

Non grattarti la rogna.
Metti sempre una carta sul sedile del cesso,
Con la guerra sta in campana,
Tienti pulito, non essere malmesso,
Non sposare una puttana.
Non pagare i ricattatori,

Gli avvocati tieni a bada,
Non fidarti degli editori,
O finirai in mezzo a una strada.
Tutti gli amici ti lasceranno
Prima o poi moriranno, lo sai,
Che la tua vita sia sana e pulita

E in paradiso li ritroverai.
 
Traduzione di Vincenzo Mantovani
Ernest Hemingway
 
 
che dire in più,
poco...
figli come semi
sparsi sul mondo
a germogliare...

Nessun commento:

Posta un commento